Adesione della Rete dei Comitati per le pari opportunità delle professioni legali

La Rete dei Comitati per le pari opportunità delle professioni legali, costituita presso il Consiglio Superiore della Magistratura A D E R I S C E condividendone gli scopi, alla giornata di mobilitazione delle donne “Se non ora quando?”, che si terrà in tutte le città d’Italia domenica p.v., 13 febbraio 2011.

L’adesione risponde alle finalità statutarie della Rete, costituita fin dal 2007, volte alla promozione delle condizioni di pari dignità ed alla valorizzazione del ruolo delle donne nella giustizia e nelle professioni legali.

Il Comitato Direttivo

I commentii commenti

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copia questa password:

* Scrivi o incolla la password qui:

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • lucrezia r.
    12-02-2011 23:18

    Abbiamo aderito ed organizzato a Capaccio il “se non ora quando?”
    Non senza mie titubanze per l’uso strumentale che di questa manifestazione se ne farà (ho orrore di quei sepolcri imbiancati che affollano la cosiddetta sinistra) ci sarò anch’io a p.za Santini, per dire più o meno questo:

    1) “Contro il mercimonio umano -Contro il puttanesimo palese e strisciante”

    2) “L’Italia che voglio è quella Costituzionale L’Italia che voglio non è sultanato”

    3) “Attento drago…..c’è la spada di una donna premier all’orizzonte!”

    Lo slogan n.3 è quello più impegnativo ma per l’appunto… “se non ora quando?”

    In realtà quello che mi preme fare domani, con o senza slogan, è iniziare a pensare ad un processo virtuoso per coagulare energie intorno ad una possibile Merkel italiana.

    Una SanmicheleArcangela che ammazzi politicamente il drago. Cercarla, ipotizzarla, deve pur essere da qualche parte questa SANTA DONNA!! Ma ve lo immaginate il Cavaliere disarcionato ad armi pari da una donna “normale”. Sarebbe grandioso.

    Questa mi pare una idea centrata se no perdiamo tempo balbettando discorsi parrucconi che non ci appartengono. In questo momento ci vuole una scossa potente in tutti i sensi per riprenderci i connotati di nazione CIVILE e per riprenderci dal delirio berlusconiano in cui stiamo vivendo. Le donne sanno tessere tele inimmaginabili, sanno tagliare e sanno cucire e poiché la politica è l’arte del possibile mi piace pensare di poterlo prefigurare questo scenario già domani.

    FACCIAMO MENTE LOCALE E GLOBALE CHI POTREBBE ESSERE QUESTA DONNA ?

    FACCIAMO DEI NOMI, FACCIAMO UN SONDAGGIO, RITROVIAMOCI QUI http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com/

    Viva la vida

    lucrezia ricciardi