Grazie, Miriam

A Miriam, alla sua passione per la libertà, per la libertà delle donne.
Miriam è stata e si è sempre sentita una donna libera, in tutte le sue scelte di vita, pubbliche e private. Era il segno della sua personalità che più colpiva chi ha avuto la fortuna di conoscerla.Ironica, instancabilmente curiosa verso le cose del mondo, allegra e determinata a non farsi mai dominare dagli eventi ma a vincerli con l’intelligenza e la comprensione trasmetteva un’immagine di forza femminile che allontanava da sè ogni vittimismo e lamento. Quasi un’incarnazione di cosa ha significato emanciparsi per una donna della sua generazione: scrollarsi di dosso tutto ciò che ti marchiava come un essere sottomesso e dipendente. Diventare libera e padrona di sè come lo possono essere gli uomini. Lottare, competere ed affermarsi nel mondo ad armi pari. E lei ne era una vivente testimonianza.

Ma Miriam, a differenza di tante donne che hanno vissuto o vivono la conquista della loro libertà come una vicenda privata, non ha mai smarrito il legame profondo che la univa alle donne, a tutte le donne. Non ha mai smesso di pensare e di agire nella consapevolezza che la sua libertà non era davvero autentica se non era condivisa da tutte. E questa era la molla che la spingeva a confrontarsi con le femministe, con quella generazione di donne che non volevano emanciparsi dal proprio sesso, ma cambiare il mondo perchè ospitasse alla pari la differenza femminile. Che l’ha spinta ad essere sempre pronta a cogliere e denunciare violenze e soprusi ai danni delle donne, a condividere tutte le battaglie per un’effettiva parità.

Fino all’ultimo, fino al sostegno pieno e generoso dato al nostro movimento, a Se non ora quando? Ne condivideva le finalità e, come sempre, era curiosa ed interessata a sapere come pensavamo di realizzarle, poichè da intellettuale politica qual era, ne coglieva la portata generale e ne apprezzava l’ambizione di legare la libertà femminile alla assunzione della conseguente responsabilità.

Grazie, Miriam. A testa alta, ti portiamo con noi.

I commentii commenti

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copia questa password:

* Scrivi o incolla la password qui:

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>